Classi separate:l’inizio della fine?

Questo è il risultato di un sondaggio che chiede ai lettori se sono favorevoli o contrari alle Classi separate per Immigrati sul Resto del Carlino.

Io faccio parte di quel 23,91%  che hanno votato “no”.

Ho votato no perchè credo che i grossi problemi che ci sono attualmente in questo paese, richiedano coesione ed integrazione e l’integrazione non s’insegna dividendo i bambini di etnie diverse fin dalla scuola. L’uguaglianza e la solidarietà s’insegnano anche spiegando ai nostri bambini che ci sono compagni di classe stranieri che hanno bisogno del loro aiuto per capire e comprendere. I bambini imparano in fretta e sono molto meno complicati di noi adulti.

Mandare i bambini in classe separate vuol dire insegnare diversità; vuol dire che i bambini crescono consapevoli che ci sono differenze, talmente grandi da dovere richiedere delle misure estreme che comportano separazione.

Inculcando diffidenza e sentimenti di diversità, si insegna l’odio e si acuiscono gli attriti tra popolazioni che dovrebbero andare verso una coesione e una amalgamzione pressoche totale.

Come faremo a sostenere l’eguaglianza se pratichiamo diversità; come faremo a seminare solidarietà e cooperazione se pratichiamo diffidenza e separazione?

Siamo un popolo di disperati che non è pronto per grandi progetti, siamo destinati a pascolare all’ombra del Vaticano e Montecitorio, restanto dei provincialotti ipocriti e scialbi, paurosi ed insicuri.

Non c’è futuro in un paese che rifiuta il progresso e cerca sicurezza nel ritorno a sistemi retogradi e antidemocratici.

Rinchiudiamoci al buio e al sicuro come Don Abbondio:nascondiamoci per non dover affrontare la realtà.

Circondiamoci  di Polizia, Guardia Finanza,carabinieri, Polizia Municipale e polizia Locale poste a presidio di piazze,stazioni e strade. Lasciamo che chi governa continui a compiere atti che portano solo al non ritorno.

Un paese pronto, moderno e “progressista” affronta le emergenze in prospettive di crescita e coesione. I grandi uomini sono lontani da Roma anni luce.

Continuiamo a vedere il nemico ovunque, senza realizzare che il nemico di chi viene a vivere in Italia, il nemico di chi ci sceglie come ancora di salvezza, chi viene qui per realizzare il sogno; proprio come facevano i nostri nonni quando arrivavano in America. Siamo noi.

Siamo noi che stiamo rovinando un paese,noi con le nostre paure e le nostre fobie. Chi è dverso è dannoso, chi non parla bene la nostra lingua deve restare ai margini.

Allora io lancerei un appello a tutte le popolazioni di Europa. la prossima volta che incontrate un Italiano all’estero che si esprime a gesti, che continua a parlare in Italiano nonostante sia in un paese diverso dal proprio,bene,vi invito: lasciatelo lì.
Non sforzatevi di capire cosa sta dicendo, lasciatelo lì a sentire che vuol dire sentirsi diverso.

Fategli capire cosa vuol dire andare in un paese in cui tutti i cartelli sono scirtti solo in lingua locale.

Siamo un paese violento, retrogrado,antico come le leggi che vengono proposte giornalmente in parlamento.

Siamo un popolo di ignoranti che non capiscono che la cooperazione e la sinergia è la strada: la separazione non è mai stata una buona risposta.

Siamo lontani anni luce dal progresso e dalla crescita. Prospettive Europee?

Le uniche prospettive che vedo attuabili sono quelle di divenire un cortiletto squallido in cui riflessi lontani della lontana civiltà arrivano di tanto in tanto.

Dove stiamo andando?Verso ciò che era ritenuto anacronistico e incivile 50 anni fa. Stiamo andando verso ciò da cui i paesi evoluti scappano…e spesso si vergognano.

Verso la fine.

Annunci

Informazioni su lindaserra

Of course nothing else than another additional something
Questa voce è stata pubblicata in Life, Politics e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Classi separate:l’inizio della fine?

  1. Pingback: Best webBlogs reView » Classi separate:l’inizio della fine?

  2. Ladra di Caramelle ha detto:

    Inserire degli stranieri nel nostro Paese ghettizzandoli in classi di stranieri è sul serio una contraddizione.
    E poi – tra l’altro – con i tempi velocissimi con cui i bambini apprendono, non ce n’è bisogno. Una coppia di cari amici ha adottato una bimba etiope di otto anni: dopo tre mesi in Italia si esprimeva e comprendeva già in modo eccellente.
    Baci e buona settimana 😉

  3. Lawrence Oluyede ha detto:

    Ho letto questo interessante post a riguardo: http://www.ilcircolo.net/lia/1788.php

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...